* * * * * * *

Scrivere è una forma sofisticata di silenzio. Alessandro Baricco - Novecento


Mi ha detto che secondo lui la gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesce a fare ciò per cui è nata. Allora, lì, è felice. Il resto del tempo è tempo che passa ad aspettare o a ricordare. Alessandro Baricco - Questa storia

despletire. envol

despletire. envol
dallo chignon alla treccia dalla molla serrata a dismisura alla freccia scoccata dall'arco envol

martedì 21 luglio 2009

no name non importa è lava.

credo d'aver peccato molto in un'altra vita mondo pianeta magari universo.

s'è così che devo espiare nell'ora mo qui e qua.

e sempre.

ma da sempre.

non ho più manco la forza di ribellarmi.. chissà quante volte l'avrò detto..

eppure sono viva. io all'incontro spietato col qui ed ora perennamente mutevole ma perennamente inchiodato dico solo: presente. viv'ancor. evviva.

perennamente mutevole: visto dalla prospettiva dell'ieri che sarà subito domani quasi senza transizione. l'oggi è sempre una quantità insignificante, tanto svanisce di fretta e furia. eppure in ogni oggi accade un tot di cose impressionante ma impressionanti. ma l'oggi resta importante solo come fine a se' stesso, stante. visto in prospettiva gigantesc_mutante del c'è stato e ci sarà resta solo un granello: tutti gli infinitesimali oggi a comporre un c'è più e'un ma ci siam sicuri che ci sarà?

perennamente inchiodato: il qui ed ora presente, fatto in qualche strano modo valore modulo assoluto: a prescindere dal c'è stato e ci sarà dal c'è più e ma ci siam sicuri che mai ci sarà, c'è un punto un punto ben preciso ma ben evanescente. non solo l'oggi ma l'adesso. in questo istante stante. il quello a comporre ogni oggi in atto. è talmente sicuro in certezza assoluta: l'unica cosa certissima è che io qui ed ora ci sono. pertanto non potrei esserci né altrimenti né altrove. è uno stallo della coscienza. è inoppugnabile. è realtà l'unica che posso chiamare tale in questo momento preciso. cosa c'è stato non ricordo cosa sarà non so so solo che respiro qui ed ora. chiodo fisso.

ma evanescente perché ci vuole varamente una frazione di secondo - coz è il secondo? tempo poi? minuti ore ere?- purché tutto cambi e nulla sia come prima.

magari non per me che narro e mi riempio di stupore davanti all'entità di quello da narrare. ma per qualcuno laffuori di preciso. son cose che cambiano in questo millisecondo. gente che muore che nasce che scopa che viene che va che ammazza che prende allori che la spunta che la va che la spacca.

è tutt'un caleidoscopio gigantesco ma sono in pochi a rendersene conto dell'immensità.

incommensurabile.

veramente.


!12rfr4b7


(da diverse paia di mail.)

Nessun commento:

Posta un commento

AddThis

Bookmark and Share

Lettori fissi

Cerca nel blog

Loading...

Informazioni personali

La mia foto
contorsionista dell'anima..